martedì 1 maggio 2018

LICENCE TO KILL












LOCANDINA:




















ANNO: 1989

SOFTWARE HOUSE: Domark Ltd.

GENERE: Sparatutto A Scorrimento Verticale

SISTEMA DI GIOCO: 
Il gioco è uno sparatutto a scorrimento verticale e parzialmente orizzontale, con visuale dall'alto. Si controlla James Bond a piedi o su diversi mezzi di trasporto, lungo il violento inseguimento del trafficante di droga Sanchez, richiamando varie scene d'azione provenienti dalla trama del film. Lungo il percorso si affrontano i suoi numerosi scagnozzi, dotati anch'essi di svariati mezzi.

Ci sono sei livelli da affrontare, con meccaniche di gioco diverse, raggruppati in tre parti.

1- Nella prima parte ci si trova nella base di Sanchez. Inizialmente si controlla un elicottero, che spara sempre rivolto in avanti e deve evitare anche gli ostacoli come gli edifici alti. Maggiore è la velocità di volo, minore è la quota.

2- Quindi si controlla 007 a piedi, in maniera un po' più complessa: per sparare occorre fermarsi, estrarre la pistola e puntarla nella direzione voluta, con rotazione a 360°. I proiettili sono limitati ma si possono raccogliere ricariche.

3- A questo punto si torna all'elicottero e bisogna riuscire a calarsi sull'aereo di Sanchez in volo, per giungere alla seconda parte.

4- La parte successiva si svolge sulle acque della baia di Miami, inizialmente a nuoto. Gli avversari sono gommoni e sommozzatori armati di fiocine, che gli si possono sottrarre. I colpi dei gommoni si possono evitare immergendosi, ma la riserva d'aria è limitata.

5- Bond fa sci nautico (usando i piedi come sci, come nel film) agganciato con la fiocina a un idrovolante. Senza armi, si tratta di raggiungere l'idrovolante, evitando gli ostacoli.

6- L'ultima parte è l'inseguimento finale, che avviene pilotando un camion a 18 assi, privo di armi ma in grado di spingere gli avversari fuori strada; bisogna affrontare altri veicoli e camion analoghi, fino a raggiungere quello guidato da Sanchez in persona.

LICENCE TO KILL

Nessun commento:

Posta un commento