sabato 5 settembre 2020

ARABIAN NIGHTS












LOCANDINA:




















ANNO: 1993

SOFTWARE HOUSE: Krisalis Software Ltd.

GENERE: Platform

DESCRIZIONE: 
Il gioco fu ideato da Simeon Pashley (programmatore noto anche per la serie Manchester United) e Darren Hebden. E' composto da 10 livelli, ognuno con il suo stile grafico ben distinto, ma tutti ricchi di azione, pericoli, nemici ed enigmi da risolvere.
Le animazioni sono assolutamente di alta qualità.
Il simpatico personaggio principale (Simbad) è animato a 50fps e si notano dei piccoli tocchi di classe come quando Simbad sta per cadere.

La grafica in stile cartoon sfrutta al meglio i chip ECS, risulta piacevole e colorata e non si sente la mancanza di una versione AGA. Ma l'aspetto che si apprezza di più di Arabian Nights è la giocabilità. Non appena si inizierà a muovere il personaggio si capirà istantaneamente che siamo di fronte ad un gioco di qualità.
I comandi rispondono fluidi, la difficoltà è ben bilanciata, gli enigmi da risolvere non sono troppo oscuri (e se vi doveste trovare persi, ogni tanto vi verrà dato un suggerimento premendo la barra spaziatrice).
Molte le pozioni ed i power-up, che sapranno donare varietà al gioco, oltre a risultare fondamentali per sconfiggere i nemici più pericolosi.

Anche se non ha mai raggiunto un'estrema popolarità, Arabian Nights è considerato dai più esperti, uno dei migliori platform mai creati per Amiga e se lo proverete capirete perché.

ARABIAN NIGHTS

domenica 30 agosto 2020

BOMBER BOB












LOCANDINA:




















ANNO: 1990

SOFTWARE HOUSE: Idea Software

GENERE: Sparatutto A Scorrimento Verticale

DESCRIZIONE: “Quello che stai per vedere è costato molti mesi di fatica a parecchie persone. Se sei italiano come me, non copiarmi, comprami ORIGINALE! Mi trovi in una bellissima confezione con un enorme poster a colori… E non costo nemmeno molto!”. 

Mediante quest’ appello – che oggi come oggi potrà anche far tenerezza – i ragazzi di Idea Soft ci davano il benvenuto a Bomber Bob: un titolo tanto brioso quanto gradevole, che approcciava il genere top down shooter con la leggerezza propria di un’opera destinata ai più piccini.

Graficamente pulito, col morbido character design proprio degli sprite principali e gli arditi layer parallattici a conferire efficace profondità alla graziosa ambientazione tropicale, Bomber Bob si lasciava giocare di slancio, senza costringere l’utente a prodursi nelle spossanti performance richieste dai più blasonati titoli di genere.
Pur non proponendo un coefficiente di sfida magari adeguato alle esigenze competitive dei gamer più navigati, esso avrebbe in ogni caso saputo allietare i pomeriggi di molti giocatori, riservandosi persino il lusso di stupirli grazie alle suggestioni tridimensionali proprie delle sequenze di volo in prospettiva frontale che andavano alternandosi agli stage principali.

Accolto con un pizzico di scetticismo in eccesso, Bomber Bob non raccolse probabilmente gli encomi che gli sarebbero spettati qualora fosse saltato fuori dalle fucine di una software house anglosassone, ma rappresentò in ogni caso un passo rilevante per il movimento videoludico nostrano.

BOMBER BOB

sabato 29 agosto 2020

THE AQUATIC GAMES













LOCANDINA:




















ANNO: 1992

SOFTWARE HOUSE: Millennium Interactive

GENERE: Sport

DESCRIZIONE: Questo simpaticissimo
 gioco lo si potrebbe definire come una sorta di parodia in salsa acquatica di Track & Field della Konami.

The Aquatic Games è stato l'ultimo gioco su Amiga 500, ad avere il mitico personaggio James Pond come protagonista, in quanto, il successivo episodio (James Pond 3: Operation Starfish) risulterà compatibile solo con la nuova gamma di Amiga a 32 bit (A1200) che utilizzava il chipset AGA.

Il gioco contiene brani di musica classica, come ad esempio Ode to Joy (dalla nona di Beethoven) nella schermata principale ed altre chicche disseminate durante determinati eventi.
Il resto della musica invece è stata composta da Richard Joseph.

THE AQUATIC GAMES

giovedì 27 agosto 2020

BRAT














LOCANDINA:




















ANNO: 1991

SOFTWARE HOUSE: Image Works

GENERE: Puzzle

DESCRIZIONE: 
Lo scopo è quello di guidare Nathan, il protagonista, attraverso una serie di livelli con grafica isometrica. Il personaggio non può essere controllato direttamente, occorre piazzare delle icone di controllo, in modo da farlo girare, prendere oggetti e soprattutto evitare di cadere.

Il gioco fu apprezzato per la sua originalità e spesso fu accostato a Lemmings. Molti però lo criticarono per l'eccessiva difficoltà e la velocità troppo frenetica.

BRAT

domenica 23 agosto 2020

OUT OF THIS WORLD










LOCANDINA:




















ANNO: 1991

SOFTWARE HOUSE: Interplay Entertainment / Delphine Software

GENERE: Platform

DESCRIZIONE: 
Il protagonista del gioco è Lester Knight Chaykin, un giovane genio della fisica.

Il gioco comincia nella sua intro con l'arrivo di Lester, a bordo della sua Ferrari 288 GTO, al suo laboratorio high-tech, durante un forte temporale. Lo scienziato scende nel suo laboratorio sotterraneo, per lavorare ad una sequenza del suo esperimento con un acceleratore di particelle, lo scopo dell'esperimento è ricostruire la creazione del nostro universo.

Avviata la sequenza sulla sua console e lanciato l'acceleratore particellare, immediatamente prima che il flusso di particelle raggiunga la destinazione prevista nel macchinario, un fulmine colpisce il laboratorio interferendo con l'acceleratore e provocando una imprevista carica energetica delle particelle.

L'esplosione scaturita dall'incidente apre una sorta di buco nero in cui viene risucchiato il Professore Chaykin, istantaneamente teletrasportato in un altro mondo alieno.
Dopo essere sopravvissuto alla fauna locale molto pericolosa, Lester viene catturato da una razza di alieni umanoidi e condotto in un campo di prigionia sotterranea.
Qui, aiutato da un prigioniero autoctono soprannominato "Buddy", fugge stringendo un vero e proprio rapporto di amicizia e collaborazione volta a sopravvivere alla spietata caccia dei loro carcerieri, il tutto mentre risolvono numerosi enigmi per sopravvivere.

La loro avventura li vede destreggiarsi tra livelli attraverso il complesso carcerario, un sistema di grotte, ed una struttura a torre. Nel culmine del gioco, Lester sarà gravemente ferito da uno degli alieni ma, con l'aiuto del suo amico "Buddy", riuscirà ad uccidere il suo nemico.
Dopo aver raggiunto la cima della torre, Lester crolla ferito ma viene prontamente raggiunto dal fedele "buddy", che lo aiuta raccogliendolo dal suolo. Il videogioco si chiude con la fuga dei due su una creatura alata, verso l'orizzonte di quello che sarà il nuovo mondo di Lester Knight Chaykin.

OUT OF THIS WORLD

sabato 22 agosto 2020

DISPOSABLE HERO










LOCANDINA:




















ANNO: 1993

SOFTWARE HOUSE: Gremlin Graphics Software Limited

GENERE: Sparatutto A Scorrimento Orizzontale

DESCRIZIONE: 
2808, una minaccia aliena attacca il quartier generale delle forze terrestri iniziano gli "anni bui" della civiltà umana. 2867, scienziati terrestri hanno scoperto nuove tecnologie militari da impiegare in battaglia, viene creata la task force da combattimento denominata D-Hero.2979, i Disposable Heroes hanno a disposizione nuove armi da battaglia, il quartier generale di difesa terrestre è stato distrutto ed è giunto il momento di intervenire immediatamente, inviando la nuova astronave da battaglia Prototype 2 superarmata e superpotenziata a contrastare l'invasione aliena.

Il finale di Disposable Hero è uno dei più strani. Il pilota dell'astronave dopo aver compiuto la missione rientra sulla terra.
Dopo l'atterraggio c'è una folla esultante per lui, il pilota ignora la gente festante e sale su un'auto di grossa cilindrata e parte. Un uomo armato di bazooka spara un colpo e fa esplodere la macchina uccidendo il pilota.

Il videogioco è un classico sparatutto a scorrimento laterale, la navicella all' inizio è armata solo di un cannone frontale le armi aggiuntive sono attivabili entrando in varie zone apposite nei livelli, di solito due o tre per stage, e il giocatore può decidere come equipaggiare al meglio la propria astronave.
Il videogioco si struttura su cinque livelli a difficoltà crescente. Immancabili i boss di fine livello, con alcuni di essi giganteschi.
Oltre che alle classiche 3 vite a disposizione, l'astronave è dotata di scudi energetici segnalati da una barra, finendo l'energia l'astronave esploderà. In questo videogioco sono molto curate le parti grafiche, il sonoro e le musiche.

DISPOSABLE HERO

sabato 8 agosto 2020

INDIANAPOLIS 500: THE SIMULATION











LOCANDINA:




















ANNO: 1989

SOFTWARE HOUSE: Electronic Arts Inc.

GENERE: Guida

DESCRIZIONE: 
Si tratta di uno dei primi videogiochi a tentare una simulazione completa e realistica della Indianapolis 500; utilizza una visuale in prima persona ed è disponibile una modalità replay, con la possibilità di salvarne tre della durata massima di 20 secondi.

Sono disponibili cinque telecamere diverse, più un'altra in caso di incidente. Sono simulati i danni delle auto in caso di incidenti, i guasti durante la gara delle auto controllate dalla CPU ed è inoltre possibile impostare vari parametri di queste ultime che, una volta in gara, reagiranno di conseguenza.

La griglia di partenza rispecchia quella dell'edizione 1989 dell'omonima gara, con l'eccezione dell'auto del giocatore (la numero 17) che sostituisce la numero 29 di Rich Vogler, che quell'anno si era qualificato al 33º e quindi ultimo posto.

Il menu iniziale offre diverse possibilità:

-Pratice - modalità pratica, dove è possibile prendere dimestichezza con l'auto (in questo caso indistruttibile), oltre che a modificare in tempo reale (cioè mentre si sta realmente guidando) e ovviamente ai box tutte le impostazioni dell'auto.
-Qualify - qualificazioni: se non si partecipa a queste ultime, in gara si partirà dall'ultima posizione.
-Race - gara, a sua volta suddivisa in quattro opzioni in ordine di difficoltà.
-Teams - selezione della squadra (e quindi dell'auto).
-File - modalità dove è possibile caricare o salvare su file replay e impostazioni delle auto.
-Setup - settaggi audio e video.
-Quit - uscita.

INDIANAPOLIS 500: THE SIMULATION